Heighlights

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

E' di David Alcaide il Dynamic Italian Open 2016 andato in scena al BHR Best Western Hotel di Treviso, che torna a vincere nel circuito Eurotour dopo sette anni, la sua ultima vittoria risale al 2009 quando vinse a Castel Volturno, sempre in terra italiana,. Lo spagnolo scavalca Niels Fejien in classifica e si porta in seconda posizione nel ranking continuo a soli 140 punti dal leader Mark Gray, che al termine della prossima tappa perderà anche i 550 punti conquistati lo scorso anno a Treviso, dando la possibilità ai suo diretti inseguitori di sorpassarlo per la prima volta dopo circa sei mesi al comando. Precipitano in classifica Albin Ouschan e Imran Majid, scesi rispettivamente in dodicesima e tredicesima posizione. Continua invece la sua scalata il giovane Jousha Filler, che termina questa tappa in seconda posizione e sale al sedicesimo posto dela classifica, non male se consideriamo che il tedesco completerà il set di punti validi per il ranking continuo solo al termine della prossima tappa.

21 il totale delle presenze italiane in gara, sette delle quali appartenenti alla categoria Nazionali (otto con Arjan Matrizi, che gareggia però per l’Albania) e quattro donne.

Daniele Corrieri, migliore italiano in gara, si deve accontentare del 49° posto, l’attuale Campione Italiano e leader della classifica Nazionali passa direttamente al secondo turno dove batte lo spagnolo Garcia-Lagar Pablo per 9-4, per poi incassare una sfortunata sconfittta 9-8 da Delgado Jose Alberto. Ai recuperi elimina il tedesco Wolf Jan per poi trovarsi a fronteggiare il Campione del Mondo in carica, Ouschan Albin Jr., in una partita emozionante rimasta in equilibrio perfetto fino al 6-6, girata a favore dell’austriaco solo nel finale e terminata 9-7.

65° Michele Bianchini, che riesce a vincere solo contro il connazionale Antonio Bonura.

65° Pierfrancesco Garzia, batte al primo turno il tedesco Lindloff Thomas (9-7) e perde al secondo turno dei diretti contro Souquet Ralf (9-2), ai recuperi passa 9-8 su Mladinescu Elvis Mihail e su Francesco Monopoli (9-6). Si ferma al terzo turno dei recuperi contro Buslaev Evgenii, sconfitto 9-4.

65° Carmine Nanula porta a casa il prestigioso scalpo di Serge Das (9-8), per poi perdere contro Teutscher, Marco prima e Piekarski, Konrad poi.

65° Marco Palmieri che non fa sconti agli altri italiani battendo ai diretti Danilo Cipriani (9-5), e ai recuperi Marco Cordova (9-5) e Roberto Maura (9-4). Perde al secondo turno dei diretti contro Kaplan Tomasz (9-4) e al terzo turno dei recuperi contro l’austriaco Resch Daniel (9-6).

97° Francesco Monopoli che perde 9-8 il primo turno contro Resch Daniel ed il successivo ai recuperi 9-6 contro Garzia.

97° Angelo Salzano, che perde prima contro Castelein Cliff (9-3) e poi contro Rognstad Kenneth (9-6)

97° Ascheri Gianluca, sconfitto al primo turno da Kudlik, Piotr per 9-1 ed al secondo turno dei recuperi dal vincitore della tappa Alcaide David (9-3)

97 ° Roberto Maura, che incassa un pesante 9-0 al primo turno contro
Buslaev, Evgenii e viene eliminato ai recuperi da Palmieri (9-4)

97° Antonio Quarta, che subisce due pesanti sconfitte. 9-2 da Mortier Olivier e 9-0 da Stepanov, Konstantin

97° Gianmarco Tonini, il Campione Italiano di Snooker passa il primo turno contro Perez Francisco (9-3) e si arrende nel secondo turno dei diretti a Majid, Imran (9-5). Nei recuperi infligge un altro pesante 9-3, questa volta a Duranec Emanuel, ed infine viene elimato da Canoniga Alvaro (9-6).


97° Bonura Antonino, che disputa una buona gara nonostante il piazzamento finale. Vince il primo turno contro Belhaj Reda (9-6) e perde il secondo turno dei diretti contro Feijen Niels (9-5). Nei recuperi batte Erculj, Matjaz (9-7) per poi cedere nell’incontro tutto italiano contro Bianchini (9-7).


Chiudono al 129° posto Danilo Cipriani, Marco Cordova, Daniele Moretto, Massimiliano Panucci e Davy Piergiovanni. Quest’ultimo è stato l’unico tra i suoi compagni di classifica a dimostrare di poetr tenere il passo in questa competizione, vince il primo turno contro Schmitt Stefan (9-1) e perde il secondo turno dei diretti contro Babica Radoslaw all’ultima spaccata (9-8), nei recuperi si arrende a Cardoso, Joao (9-5).


La tappa parallela del Women Italian Open 2016 finisce nelle mani di Jasmin Ouschan, che da un anno concede il primo posto alle sue avversarie solo quando non si iscrive al torneo. Quattro le giocatrici italiane in gara, ma nessuna è riuscita a trovare piazzamenti di prestigio in questo evento.

25° posto per Barbara Bolfelli, migliore delle italiane in gara, che batte al primo turno la tedesca Michl Karin (7-5) e perde il secondo turno dei diretti contro Czuprynska Oliwia, in un match tiratissimo, deciso solo all’ultima spaccata (7-6). Nei recuperi batte Torok Eva (7-6) ed infine cede a von Rohr Claudia (7-2).

33° posto per Silvia Gaudino che perde il primo turno dei diretti contro Spycher Miriam (7-4) ed il successivo nei recuperi contro Michel Jasmin (7-4).

33° posto per Cristina Moscetti battuta al primo turno da Vietz Jennifer (9-5) e nei recuperi da
Steinlage Christine (7-0).

33° posto per Cristina Iemmi, forfait nel primo match contro Nilsson Jessika e 7-0 nel secondo contro Franco Vania.

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Niels Feijen (NED) vince la prima tappa olandese del circuito Eurotour edizione 2016/2017 (Dynamic Billiard Dutch Open) battendo in finale David Alcaide (ESP) con il risultato di 9:7. Il “Terminator” olandese si prende subito una rivincita sullo spagnolo, che solo pochi giorni fa lo aveva battuto nella finale della Prostar Cup andata in scena a Verona in Italia.

Nel corso di questa finale non è mancato lo spettacolo ed i colpi di scena. Feijen ha condotto il match ma non è mai riuscito a scappare via allo spagnolo, che sul 6-5 per l’olandese riesce a sfruttare il dry break avversario pareggiando i conti sul 6-6. L’esito della spaccata successiva è di quelli che normalmente decretano le sorti di un match, Alcaide spacca ed imbuca la bilia 9. E così, con il minimo sforzo, lo spagnolo si ritrova a condurre il match per 7-6, a soli due game dalla vittoria.

Allontanarsi dal tavolo di una finale dell’Eurotour in vantaggio 6-5 per colpa di un dry break, con palle aperte e la bilia di partenza (la due) dritta in buca e tornarci sul 7-6 per l’avversario, dopo aver subito anche un nove sul break farebbe vacillare anche le menti più solide. Ma non quella di Feijen, che torna in gioco a testa bassa e senza mai perdere la concentrazione. Lui che ha estremizzato il concetto di controllo della battente portando il pool ad un livello superiore rispetto al passato, riprende in mano il match e torna a condurlo fino alla fine.

Gray Mark (GBR), primo del ranking Eurotour, deve “accontentarsi” del 5° posto, sconfitto 9-5 da Wojciech Szewczyk (POL). L’inglese porta comunque a casa vittorie importanti (9-5 su Ouschan Albin Jr. e 9-6 su Grabe Denis) che confermano il suo stato di forma e la sua costanza in questo circuito.

Nessuna vittoria in questa tappa per le rappresentanze italiane (Salzano Angelo e Piergiovanni Davy) che escono comunque a testa alta dai loro match, persi di misura nelle spaccate finali.

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Va al polacco Sniegocki Mateusz il gradino più alto del podio dell'ultima tappa dell''Euro-tour (Dynamic Billard Albanian Open), andata in scena a Tirana, Albania. Alle sue spalle, sconfitto in una finale meno combattuta del previsto, terminata 9-4, uno dei giocatori più giovani e promettenti del panorama europeo, il tedesco Filler Joshua (classe 1997). Il cammino per la finale portato avanti da quest’ultimo è stato quello più complicato, e dopo aver messo in fila nomi del calibro di Gray Mark, Immonen Mika e Van Den Berg Nick, molti si aspettavano di vederlo vincere qui il suo primo titolo nel circuito ET. Ma è proprio in finale che il giovane tedesco perde smalto, commettendo qualche imprecisione di troppo. La classifica generale del ranking continuo non subisce grossi stravolgimenti e la prima posizione rimane saldamente nelle mani di Mark Gray (GBR), il quale allunga sugli inseguitori (nel conteggio valido per il ranking continuo il suo peggior piazzamento è un 5° posto). Il fresco Campione del Mondo di Palla 9, Albin Ouschan, chiude al 9° posto, sconfitto dallo svedese Marcus Chamat. Gli italiani in gara (Margola Giorgio, Piegiovanni Davy e Salzano Angelo) non vanno oltre le fasi iniziali del torneo. La categoria femminile va a Kristina Tkach (RUS) che si impone in finale su Katarzyna Wesolowska (POL).

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

He Mario (Austria) vince il suo primo titolo Euro-Tour battendo in finale Nikos Ekonomopoulos (Grecia), in un match rimasto in equilibrio solo fino al 3-2, prima del rush decisivo dell’austriaco che allunga fino al 6-2 e poi controlla il match (9-5 il risultato finale). Se il greco avesse vinto questo match avrebbe avuto una concreta chance di entrare, nuovamente, a far parte del team Europe nella prossima edizione della Mosconi Cup.


Non passa inosservata la prestazione del Campione del Mondo di Palla 9 (2001), Mika Immonen , che si affaccia per la seconda volta nel circuito quest’anno e chiude in terza posizione.
La miglior posizione italiana è ancora una volta quella di Daniele Corrieri, che chiude al 33°. La falsa partenza contro Tony Drago costa all’italiano la strada più lunga per le qualificazioni alla fase ad eliminazione diretta. Passa direttamente al secondo turno dei recuperi grazie al Walk-Over, poi infila tre vittorie consecutive battendo Poeschl Thomas (GER), Kudlik Piotr (POL) e Fortunski Mieszko (PLO) raggiungendo il turno di qualificazione contro Hybler Roman (CZE).


Non abbiamo seguito il live streaming del match ma a vedere lo score sembra che qualcosa abbia fatto perdere la concentrazione a Daniele, che parte in vantaggio poi subisce il recupero ed il sorpasso dell’avversario, senza però perdere la scia rimanendo incollato fino al 4-3 a favore del Hybler. Poi arriva un timeout, chiamato proprio da Corrieri… al rientro al tavolo si va sul pari 4-4, poi si spegne la luce, qualcosa va storto, ed il ceco infila 5 spaccate consecutive chiudendo il match 9-4.


Corrieri è attualmente al 44° posto del ranking europeo e potrebbe con le prossime prove risalire la classifica verso posizioni più interessanti, più adatte ad un giocatore del suo talento. Al termine della prossima prova non verrà più conteggiato nel suo punteggio il risultato di Baunatal, un 160° posto che pesa nella classifica accoppiato all’assenza a Leende (0 punti). Saranno quindi le prossime 2-3 prove dell’Euro-Tour a dirci se Corrieri riuscirà a trovare quella costanza che è spesso mancata agli italiani, per poter raggiungere e poi mantenere nel tempo una posizione stabile tra i primi 15/20 del ranking europeo.

Niceshotcafe © 2019

Search